50° anniversario Gruppo Alpini
ottobre 2011
Gita Alpini diga Vajont
21 giugno 2014
Chiesa di S. Egidio

I REPARTI ALPINI VERONESI

Tradizionalmente, i veronesi hanno sempre prestato il loro Servizio di Leva prevalentemente nelle file del 6° Reggi- mento Alpini o nel 2° Reggimento Artiglieria da Montagna della Brigata “Tridentina”. Con lo scioglimento di questa i veronesi entrarono a far parte dei Reparti della Brigata Alpina “Julia”. Di seguito i Reparti tradizionali.

Btg. Alpini “Verona”

Il Battaglione Alpini “Verona” fu costituito nell'anno 1886 in ambito 6° Reggimento Alpini, forte di tre Compagnie (56a -57a -58a), già del disciolto Btg. ”Monti Lessini” e con la 73a Compagnia poi disciolta nel 1936. Dal mese di febbraio del 1887 all'aprile del 1888, la 56a Compagnia fornì, in particolare, l'ossatura del Battaglione di formazione alpino che fece parte del Corpo di Spedizione Italiano in Eritrea, posto al comando del Maggiore Davide Menini, veronese d'adozione Dal 1911 al 1913, il “Verona” prese parte alla Campagna di Libia (guerra italo-turca), che vide la partecipazione di molti reparti alpini, inquadrato nel 6° Reggimento Alpini. Nel 1914, il Battaglione fu mobilitato e ricevette in rinforzo la 92a Compagnia di Milizia Mobile, che poi nel 1916 cedette al Btg. “Monte Boldo”. Battaglione Alpini VeronaNel corso della Grande Guerra 1915-18 il “Verona” operò in Val Lagarina e poi sugli Altopiani, dove - in particolare - prese parte alla sanguinosissima battaglia del Monte Ortigara, pagando un prezzo altissimo in vite umane. Successivamente operò ancora - principalmente - in Val Brenta, sul M. Grappa e sul Fiume Piave. Partecipò anche alla battaglia vittoriosa di Vittorio Veneto, che concluse la guerra. Dal 1920 al 1926, il Battaglione operò inquadrato nelle file dell'8° Reggimento Alpini. Mobilitato nel 1939, prese parte alle operazioni connesse con la 2a Guerra Mondiale, combattendo prima sul Fronte Occidentale (Francia), poi in Albania e Grecia e quindi in Russia (inquadrato nel 6° Reggimento Alpini), dove giunse costituito dalle tradizionali Compagnie (56a -57a -58a), cui venne aggiunta la 113a Compagnia Armi d’Accompagnamento. In particolare, il Btg. Alpini “Verona” fu protagonista nella disperata e vittoriosa battaglia di Nikolajewka, nel febbraio del 1943, che consentì agli Alpini di uscire dalla sacca in cui erano stati costretti dai russi. Rientrato i n ltalia semidistrutto, il Battaglione - in fase di ricostruzione in Alto Adige - fu travolto dai tragici eventi connessi con l'8 settembre 1943. Nel dopoguerra non venne più ricostituito.

 

Btg. Alpini “Val d'Adige”

Battaglione di Milizia Territoriale del 6° Reggimento Alpini, il Battaglione fu costituito nel 1915, per esigenze belliche, con le compagnie 256a, 257a e 258°. Nel corso della Grande Guerra 1915-18, il “Val d'Adige” operò nella zona tra il lago di Garda, la Val d'Adige e la Vallarsa. Passò, poi, in Val Posina e sull'Altopiano di Tonezza. Successivamente prese parte all'offensiva sulla Bainsizza, operando, ancora, sul Monte Grappa, in Val Brenta, sull'Altopiano dei Sette Comuni ed infine nella battaglia di Vittorio Veneto. Il Battaglione venne sciolto nell'anno 1919, riprendendo vita l'anno dopo con le Compagnie 94a, 144a e 145a del disciolto Btg. “Monte Comun”. Battaglione Val D'AdigeNel 1921, detto reparto assunse la denominazione di Battaglione Alpini “Trento”. Il Battaglione “Val d’Adige” rivide la luce nell'anno 1939; in conseguenza dei venti di guerra che soffiavano, (sempre alle dipendenza del 6° Reggimento Alpini), con le tradizionali Compagnie 256a, 257a e 258a. Nel 1940 prese parte alle operazioni in montagna sul Fronte Occidentale, contro la Francia, venendo sciolto nell'ottobre dello stesso anno. Nell'anno 1957, il Btg. Alpini “Val d'Adige” fu ricostituito per circa in mese in sede di svolgimento di importanti esercitazioni NATO. Nel 1963, il Battaglione fu ricostituito per l'ennesima volta (per cambio di denominazione del XXIV Battaglione), divenendo il Battaglione Alpini d'Arresto “Val d'Adige”, posto alle dipendenze del 21° Raggruppamento Alpini d'Arresto, con sede in Alto Adige. Fu sciolto definitivamente nel 1964.